DOVE CAMBIO IL PUPO? Su fasciatoi e mobiletti vari

Risultati immagini per fasciatoio in bagnoQuando sono diventata mamma, taaaanti anni fa, davvero non sapevo niente di bambini (e non c’erano i social!), quindi mi feci consigliare da mia madre a proposito del cambio del pupo…

La prima casa da sposetti era piccola piccola e soldi e spazio per il fasciatoio non c’erano, il pupo aveva guadagnato per le sue cosine un nostro cassetto.

L’organizzazione per il  cambio quindi era questa: traversina impermeabile e asciugamano sul nostro letto, con bacinella e spugna di mare preziosissima acquistata in viaggio estivo precedente in Grecia, amido di riso, cremine e pomatine varie dei vari pacchi dono, asciugamani di varie taglie, pannolini, ecc.

Sembrava tutto ok, no?

Ben presto però ho imparato alcune cose che non sapevo:

  1. i neonati hanno il vizio di pisciare appena li spogli. Quindi l’asciugamano era uno a cambio: moltiplicazione dei pan(n)i da lavare!
  2. spesso sono abilissimi a farla fuori dall’area prevista! I maschietti poi, possono farla anche a un metro di distanza (e così tocca lavare pure il pavimento, e se ti dice male pure il copriletto)
  3. l’ovatta si appiccica al sederino, le garze grattano un po’, le salviette usa e getta non esistevano e cmq oggi faccio una campagna anti salvietta e in generale anti prodotti usa e getta… come pulire la cacca allora? Optammo quindi per la spugna greca di cui sopra
  4. le spugne non sono proprio tra le cose più igieniche, e per evitare che diventino un ricettacolo di germi e residui di pipì e cacca, tocca lavarle spesso, igienizzarle, bollirle?? Come se non ci fosse altro da fare durante la giornata…
  5. e poi l’acqua nella bacinella o vaschetta? Ti ritrovi a sciacquare la spugna nell’acqua già sporca
  6. è un attimo, una minima disattenzione e la bacinella si rovescia e ti ritrovi il letto allagato! O il bimbo più grande schizza da tutte le parti
  7. se serve un lavaggio più serio, nel “viaggio” dal letto al bagno, spesso il fagottino non è molto felice, soprattutto con un neogenitore alle prime armi un po’ timoroso che lo tiene come se fosse un vaso Ming del XIII Sec. A.C. – la traversata diventa antipatica per tutti
  8. se fa freddo, ti ritrovi un figlio fradicio e infagottato in un mq di asciugamano, per rifare il viaggio all’inverso…

Insomma, non era proprio la soluzione più rapida e efficiente!

Dopo tanti cambi, siamo arrivati a una organizzazione molto più pratica, che oggi, dopo anni e anni, e due figli, ancora mi trovo a suggerire a molti genitori quando vado a fare le visite domiciliari post partum. Infatti spesso trovo i neogenitori a barcamenarsi in organizzazioni più o meno precarie come quella che io avevo avuta più di 25 anni fa.

Com’è questa organizzazione 2.0 allora?

Molto semplice: il fasciatoio direttamente in bagno, magari sulla lavatrice!  (Se hai la lavatrice fuori al balcone o non in bagno, puoi usare un piano orizzontale qualsiasi come quello a lato del lavandino, basta sfrattare temporaneamente barattoli e flaconi vari che spesso teniamo là)

Il fasciatoio sulla lavatrice ha i seguenti vantaggi:

  • è all’altezza giusta per la vostra schiena
  • è molto economico: basta una traversa impermeabile e un asciugamano che poi metterai in lavatrice quando sporco (sai, sono sempre quella ecologica)
  • è pratico: se ti serve aprire la lavatrice (se hai la carica dall’alto), basta prendere tutte e due dai due lembi laterali, piegarli e appoggiarli vicino finchè hai caricato/scaricato la lavatrice, e poi riposizionarlo
  • è vicino in genere al lavandino: lo spazio di “trasferimento” del pupo nudo e/o bagnato è minimizzato
  • sporcherai il minimo indispensabile e resta tutto circoscritto in una sola stanza
  • puoi avere tutta l’acqua che ti serve
  • lavare il bambino DIRETTAMENTE NEL LAVANDINO, è la cosa più pratica, ecologica, e IGIENICA: l’acqua corrente è sempre pulita e non ti troverai a sciacquare con acqua con residui vari
  • hai generalmente tutte le cose necessarie all’igiene a portata di mano. Anche se hai dimenticato qualcosa, tenendo una mano sul bambino, probabilmente raggiungi i cassetti o le mensole senza doverlo lasciare da solo sul fasciatoio. Puoi organizzarti tenendo in un cassetto o una scatola sul piano accanto più vicino anche due o tre cambi, i pannolini, ecc

Inoltre il neonato non ha ancora bisogno veramente di un mobile suo. Riorganizzare il vostro comò o prendere una normale cassettiera costa molto meno del mobile fasciatoio.

 

Buon bagnetto a tutti 🙂

Il nuovissimo libro sullo svezzamento



Iscriviti alla Newsletter

SEI UN OPERATORE? VUOI RESTARE AGGIORNATO SUI NOSTRI CORSI?

Un regalo per te!

Calendario attività ed eventi


« Ottobre 2019 »
Mo Tu We Th Fr Sa Su
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

siamo presenti anche:

Condividi questa pagina:

|