SEI NELL'AREA TEMATICA ‘SVEZZAMENTO’

Mayim BialikPerché mio figlio vuole sempre stare in braccio?
Mi dicono tutti che lo sto abituando male, gli sto provocando danni?
Ma come faccio se piange??
Ha già “imparato” i vizi?
Non è troppo attaccato a me?
Quando diventano un po’ indipendenti?
Se lo allatto ogni volta che richiede, gli sto dando cattive abitudini?
Si staccherà mai da me?

Queste sono alcune domande che si pongono i neogenitori dopo la nascita di un figlio. O se non se le pongono loro, è il resto del mondo intorno che li sollecita a farsele! ma cosa possiamo davvero aspettarci da un lattante o un bambino comunque molto piccolo? Come mai tutti protestano quando non stanno in braccio? Sei tu che stai sbagliando qualcosa?? Ti resterà appiccicato davvero alla gonna fino alla maggiore età come ti avvisano amici e parenti?

In questo incontro parleremo delle caratteristiche fisiologiche dell’essere umano e di cosa dice la teoria dell’attaccamento. Scopriremo cosa dicono le ricerche che hanno studiato l’infanzia, chi sono i bambini (e non solo loro) “indipendenti ed autonomi” e quelli che non lo sono diventati.

Quando: martedì 20 novembre 2018 dalle 10.30 alle 12:15

BLSDCorso per affrontare le emergenze, manovre di disostruzione pediatriche e prevenzione degli incidenti e della SIDS (Sindrome della morte in culla)

Il Corso certificativo di Manovre di disostruzione Pediatriche e BLSD Heartsaver American Association (P-BLSD)  ti preparerà a riconoscere tempestivamente ed affrontare efficacemente e correttamente le emergenze nel lattante e nel bambino (P-BLSD) e nell’adulto (BLSD) in attesa dell’arrivo dei soccorsi avanzati.

18 Novembre 2018  dalle ore 9.00 alle 14.15

Durante il Corso Certificativo American Heart Association “Heartsaver” verranno affrontati i seguenti argomenti:

  • soffocamento e manovre di disostruzione
  • arresto cardiaco rianimazione cardio polmonare
  • chiamata di emergenza
  • uso del defibrillatore
  • esercitazioni pratiche su manichini dotati di dispositivi di feedback.

Verranno inoltre trattati i seguenti argomenti aggiuntivi: prevenzione degli incidenti da soffocamento in casa e fuori casa taglio dei cibi in sicurezza prevenzione della SIDS (Sindrome della morte in culla) aspetti legali del primo soccorso.

downloadNon vuoi far diventare il pasto a tavola con i bambini un momento di guerra?
Non sai come gestire il rifiuto del cibo da parte di tuo figlio?
Hai avuto disturbi alimentari nella vita e non vuoi che questo accada anche ai tuoi bambini?
Vorresti gestire i pasti con relax e serenità?
Lo svezzamento non sta andando come vorresti o come ti aspettavi?
Vorresti evitare di dare “schifezze” ai tuoi figli ma non ci riesci?

Qui a Latte & Coccole crediamo molto nell’importanza del rapporto con l’alimentazione, fattore primario di salute immediata e futura. Spesso nel confronto con i genitori, vediamo quanta fatica si fa a fare “pulizia” tra miti, credenze, pressioni familiari, storia personale…

Sulla base delle vostre richieste abbiamo quindi organizzato questo incontro per genitori, nonni ed educatori.

L’obiettivo dell’incontro con le famiglie è quello di promuovere una riflessione attiva rispetto ai fattori e processi educativi correlati al cibo ed accrescere la rifiuto cibofiducia in sé come genitori, propositivi, verso i figli ed i loro primi assaggi e oltre.

ACCOGLIERE LA CRESCITA

SFIDE QUOTIDIANE PER SOSTENERE LA DIADE 

ROMA 8 E 9 GIUGNO 2018

HOTEL DEI CONGRESSI

Viale Shakespeare, 29 – Roma Eur

 

Latte & Coccole è lieta di invitarti al 3° Convegno Nazionale che avrà come tema conduttore ACCOGLIERE LA CRESCITA  –  SFIDE QUOTIDIANE PER SOSTENERE LA DIADE.

Torna l’appuntamento di formazione ad alto livello per operatori, volontari e persone interessate al campo della nascita e dell’allattamento.                                    Quest’anno abbiamo voluto porre l’accento su cosa succede dopo i primi giorni o settimane di vita.  Le sfide per le mamme e per chi si occupa della promozione dell’allattamento e della salute perinatale, infatti, non si fermano alla nascita e in molti momenti i genitori, e di conseguenza gli operatori coinvolti, possono affrontare difficoltà o avere dubbi su cosa davvero dice l’evidenza scientifica rispetto a come risolvere tali momenti cruciali, in primis l’accrescimento del lattante e l’introduzione dei cibi solidi. Ma non solo: anche la gestione del sonno notturno è oggetto di grande discussione e tra le prime cause di ansia per i neogenitori, e motivo di interruzione dell’allattamento esclusivo; il ritorno della fertilità, che per una donna che allatta ha tempi e dinamiche diverse dai parametri usati spesso che si riferiscono a donne che non allattano; il ruolo dell’allattamento per la prevenzione dei disturbi della deglutizione e del linguaggio; le preoccupazioni sul soffocamento, quando il bambino inizia a mangiare i cibi solidi, tema emergente degli ultimi anni, che in molti genitori tocca il limite della fobia.

Tra i relatori, nomi autorevoli a livello nazionale ed internazionale, spiccano tra gli altri sicuramente Carlos Gonzalez, pediatra spagnolo autore di best sellers tradotti in varie lingue come “Il mio bambino non mi mangia” e Alessandra Bortolotti, psicologa, autrice di “E se poi prende il vizio” e “I cuccioli non dormono da soli”.

Nel workshop di venerdì tratteremo il tema delicato delle cicatrici, di particolare impatto per le mamme che hanno partorito con taglio cesareo ma anche per quelle che hanno subito un’episiotomia.

Trovi il programma dettagliato e i CV brevi dei relatori qui di seguito.

Siamo liete inoltre di comunicare che il Convegno “Accogliere la crescita” del 9 giugno 2018 ha ottenuto 7 crediti ECM per TUTTE LE PROFESSIONI.

I crediti saranno assegnati fino al raggiungimento dei 100 partecipanti, in ordine di iscrizione.

Non sono previsti ECM per il workshop di venerdì.

 

PROGRAMMA

                                                                                              VENERDÌ 8 GIUGNO 2018

                                                                                                       Orario 14.00 – 19.00

 WORKSHOP “LE FERITE DEL PARTO: UN SIMBOLO, UN BISOGNO, UN’OPPORTUNITÀ

Workshop esperienziale sulla cura delle ferite e delle cicatrici del parto

con Irene Bisignano, ostetrica, pedagogista, doula e mamma, e Katia Micheletti, IBCLC, mamma VBAC, formata col metodo Kanner per l’armonizzazione delle cicatrici, co-creatrice del primo percorso online in Italia per prendersi cura della cicatrice del cesareo.

 

*

                                                                                               SABATO 9 GIUGNO  2018

                                                                                                    Orario: 8.30 – 18.45

     ACCOGLIERE LA CRESCITA    –  SFIDE QUOTIDIANE PER SOSTENERE LA DIADE 

 

8.00 Registrazione

8.30 Salutogenesi e prevenzione dei disturbi alimentari: l’importanza di allattare a richiesta – Antonella Sagone, IBCLC, psicologa, Roma

9.15 Alimentazione infantile tra allattamento e svezzamento – Carlos Gonzalez, pediatra, Barcellona

10.15 Fisiologia della deglutizione e deglutizione disfunzionale – Chiara Piscitelli, logopedista, Roma

11.15 Coffee Break

11.30 Fertilità e sessualità dopo una nascita – Irene Bisignano, ostetrica – Roma

12.15 Paracapezzoli per tutte? Utili, inutili o dannosi? – Martina Carabetta, IBCLC, Roma

13.00 Pranzo

14.00 Svezzamento: 4 o 6 mesi? Cosa dice l’evidenza scientifica – Simona Di Mario, pediatra-Bologna

15.00 Consulenti professionali e non, volontarie e LLL: formazione, preparazione e competenze – Martina Carabetta e Antonella Sagone

15.45 Ossitocina e sonno: il ruolo dell’affettività – Alessandra Bortolotti, psicologa, Firenze

16.45 Uso ed abuso delle curve di crescita – Carlos Gonzalez

17.45 Rischi di soffocamento e meccanismi protettivi innati – Katia Micheletti, IBCLC, Istruttore P-BLSD e Primo Soccorso Pediatrico

18.15 Svezzamento senza stress – la parola ai genitori – Martina Carabetta

18.30 Conclusioni e domande, post test

18.45 Chiusura del convegno                                                                                       

*

 

Il convegno è aperto a operatori della salute, volontarie nel campo materno infantile, genitori.

I bambini sono i benvenuti!

 

7 crediti ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI

Per iscriverti compila il form che trovi qui: www.daltours.net/component/k2/latte-coccole-2018

Per la prenotazione alberghiera clicca qui: http://www.daltours.net/latte-coccole-2018-hotel

Quando si inizia lo svezzamento, spesso le mamme pensano che in quattro e quattr’otto il pupo spazzolerà piattoni di minestra… ma se tu hai iniziato a proporre i cibi solidi già da settimane e il tuo bimbo ancora fa solo degli assaggi, forse sei presa da mille dubbi. Cosa sto sbagliando? Devo cambiare menù?
Se poi allatti, ecco che tutti ti danno la soluzione: la colpa è del tuo latte, finchè continui ad allattare il tuo bambino è ovvio che non mangerà nulla.

Quindi devi svezzare bruscamente dal seno per poter finalmente vedere il tuo piccolo mangiare a tavola con voi? Assolutamente no…
CLICCA QUI PER LEGGERE IL SEGUITO

Il vostro piccolo principe o principessa è appena nato, ma avete scoperto che è stato scambiato in culla con… un camionista (con tutto il rispetto per la categoria)!!!

Tutti si preoccupano infatti che faccia il suo bel ruttino, e magari anche più di uno, ad ogni fine poppata.

Così quando il pupo mangia, dopo la poppata ecco il dilemma: ruttino sì o no? L’ha fatto e non l’ho sentito? Era troppo poco e deve farne ancora? Deve farlo sempre o no? Cosa fare e quanto aspettare? E se non lo fa, posso metterlo giù?

E così ho incontrato genitori che stavano anche delle mezz’ore o ore intere ad aspettare questo fatidico evento, magari anche battendo in modo vigoroso ininterrottamente sulla schiena del malcapitato o macinando chilometri su e giù per il corridoio…

Ora vi svelerò un segreto: il ruttino non è obbligatorio :). Un bambino che non fa il ruttino non ha gravi problemi di salute. Un bambino sano non soffoca per l'(eventuale) rigurgito.

Ci sono bambini che lo fanno ‘sto benedetto ruttino e bambini che non lo fanno; quelli che finché non lo fanno non trovano pace, quelli per i quali è un evento random (a volte sì, a volte no), e quelli per i quali il ruttino è un evento rarissimo ed eccezionale.

Io dico sempre che i neonati si dividono in due categorie: i principini e principesse, e i camionisti appunto.

Come fate a sapere a che categoria appartiene il vostro? Datevi qualche settimana di tempo e lo scoprirete :).

Quindi se vi accorgete che è inutile mettere la vostra principessa giù prima che abbia eliminato la sua bolla d’aria nello stomaco in quanto strillerà fino al momento in cui non si è liberata, allora vi renderete conto che vale la pena godervi il dopo poppata con il relax di entrambe (mamma e figlia) finché non è avvenuto l’evento tanto atteso.

Ma se il vostro bambino invece non lo fa regolarmente o lo fa sporadicamente o dopo un’ora e mezza, lasciate perdere il ruttino: quando dovrà farlo lo farà – e ve lo farà capire se gli serve una mano!

Alcuni nonni vi dicono che se non fa il ruttino significa che non ha digerito, non ha digerito ”bene”, o cose del genere; in realtà il ruttino non è né più né meno quello che è: aria che esce dallo stomaco. Non c’entra niente con la digestione. Se avviene appena dopo o durante la poppata, a volte si porta su un pochino di latte, in tal caso ancora liquido. Se invece avviene dopo un po’ dalla poppata, può aver iniziato la digestione e quindi apparire come “ricottina”: la differenza di aspetto del latte rigurgitato quindi non è un segnale di problemi di digestione ma solo del momento in cui è stato rigurgitato.

Di solito poi non serve molto di più che tenerli in posizione un po’ eretta o semiseduta: insomma che la testa sia più in alto dello stomaco, in modo che la bolla d’aria sia facilitata a salir su. Una delle posizioni classiche che usano tanti genitori per esempio è col bambino appoggiato in modo che sbirci appena sopra la spalla.

Poi molti di voi si saranno accorti che se il pupo deve farlo, lo fa benissimo anche da sdraiato!

Alla fine, la regola è sempre la stessa: i bambini non sono tutti uguali, vanno osservati.

Potete rilassarvi allora e smettere di monitorare i ruttini: ci sono cose più interessanti e piacevoli di cui occuparvi coi vostri bimbi!

C’è però un’altra preoccupazione: e se poi gli vengono le coliche?? Le coliche non sono dovute all’aria nella pancia ma di questo ne abbiamo parlato già qui :).

Martina Carabetta, IBCLC

.

Recentemente è stata data una certa risonanza a uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine (Casazza, Fountaine et al, 2013) che sfaterebbe una serie di miti riguardanti la prevenzione e cura del sovrappeso e dell’obesità.
Lo studio in questione è di un gruppo di autori americani e, fra le tante affermazioni, sostiene anche che l’allattamento al seno non sia poi così evidente che possa prevenire l’obesità.
Caspita, uno dei benefici di cui si parla tanto viene sfatato??? Ma può essere possibile?
Per fare questa affermazione, gli autori citano tre studi; ma se li vediamo più da vicino, tali studi non apportano poi alcuna schiacciante prova a favore della tesi dei ricercatori.


CORSO DI PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

Con Rosa Natali, Dott.ssa in scienze infermieristiche e istruttore di BLSD (Basic Life Support-Defibrillation) del Policlinico Umberto I.

Può capitare che mangiando o giocando ad un nostro bimbo (capita anche agli adulti) vada qualcosa “di traverso”, ovvero che un po’ di cibo o un giocattolo ingoiato ostruisca le prime vie aeree.
Che fare? Come assistere i nostri bambini in casi del genere?
In questo corso pratico si insegneranno alcune semplici tecniche che vi potranno aiutare ad affrontare con maggiore sicurezza una situazione di emergenza e a rendere il vostro intervento il più efficace possibile nella soluzione del problema.

Costo: 15 euro a persona.
Prenotazione obbligatoria. Corso a numero chiuso

Quando: mercoledì 16 marzo dalle 19.00 alle 20:45 circa. Il corso viene ripetuto circa una volta al mese. Sospeso a luglio e agosto.  Se volete conoscere la prossima data, iscrivetevi alla newsletter e riceverete l’avviso via mail nella settimana precedente.

Gli incontri si terranno con un minimo di 3 e un massimo di 12 partecipanti e sono rivolti a genitori, nonni, baby sitter, fratelli maggiori, ecc.

Potete iscrivervi inviandoci una mail a info@latteecoccole.it con oggetto “corso primo soccorso”

I corsi e attività sono riservati ai soci.  La quota associativa costa 10 euro e ha validità durante tutto l’anno solare in corso per tutte le attività associative.

.

Qual è il momento giusto per iniziare a offrire al tuo bimbo qualcosa di diverso dal latte?

Su questa semplice domanda intorno a molte mamme si scatena il finimondo!

Chi ci dice 4 mesi, chi ci dice 5, chi ci dice 6… ma insomma, ci sarà un’indicazione concreta a cui affidarsi?

Se chiediamo alle nostre mamme, che si sono poste lo stesso quesito 30 o 40 anni fa, loro spesso ci rispondono 3 mesi o giù di lì. Eppure oggigiorno sono (fortunatamente) poche le volte in cui si dice ancora 3 mesi. Ma i bambini di oggi fisiologicamente sono tali e quali a quelli delle generazioni precedenti. Come mai allora le indicazioni attuali sono cambiate?

In occasione della SAM 2011 (Settimana Mondiale per l’Allattamento Materno – 1-7 ottobre), abbiamo inaugurato un ciclo di incontri-dibattiti gratuiti per futuri e neogenitori. A ottobre 2012 è iniziato il 2° ciclo di incontri gratuiti!

N.B.: Gli incontri sono gratuiti. I bambini sono sempre benvenuti.

Prenotate via mail o telefono perché la sala ha posti limitati. Si accetteranno le iscrizioni in ordine di arrivo.

Calendario incontri

Parto naturale – libertà di scelta

Venerdì 1 febbraio alle ore 18.00

con Marina Baldocci, ostetrica, IBCLC, co-autrice di
“Estate col pancione”
Alle donne in gravidanza dovrebbero essere date informazioni complete e scientificamente corrette rispetto alle opzioni a loro disposizione per avere un parto ottimale e meno medicalizzato, solo in questo modo potranno fare una scelta informata e, dunque, consapevole.

Incontro dedicato alle mamme in attesa, per informare e riflettere sulle scelte a disposizione attualmente, e per dare strumenti per poter scegliere il parto migliore per ognuna.

N.B.: Gli incontri sono totalmente gratuiti. I bambini sono sempre benvenuti.

Prenotate via mail o telefono perché la sala ha posti limitati. Si accetteranno le iscrizioni in ordine di arrivo.

.

Incontri passati più recenti

Allattare al seno: perché? Tutte possono?

Martedì 29 maggio alle ore 18.00

con Martina Carabetta, IBCLC, autrice di
“Allattamento e coccole”, Bruno Editore

Incontro per mamme in attesa

– I benefici dell’allattamento
– Cosa fare per “prepararsi” ad allattare
– Il mio seno va bene? Il mio capezzolo è quello “giusto”?
– Avrò abbastanza latte?
– Rooming in, sì o no?
– Come capire se il bambino mangia abbastanza?
– Le azioni giuste per partire bene con l’allattamento
– Evitare ragadi, mastiti e ingorghi
– Cosa devo mangiare in allattamento?

In questo incontro per mamme in attesa potrete togliere i vostri dubbi e domande su come prepararvi ad allattare e partire col piede giusto!
Prenotatevi via mail o FB

Venite con abbigliamento comodo e calzettoni se possibile

– Lunedì 16 aprile alle ore 9.45

Lezione gratuita di YOGA IN GRAVIDANZA

con Jacqueline Knowles, insegnante Hata Yoga, esperta di Yoga in gravidanza e yoga per bambini
per future mamme

– Lunedì 16 aprile alle ore 10.45
Lezione gratuita di BABY YOGA

con Jacqueline Knowles, insegnante Hata Yoga, esperta di Yoga in gravidanza e yoga per bambini
per mamme e bambini da 0 a 12 mesi

– Martedì 17 aprile alle ore 18.00
Fare la nanna: si può fare!

con Martina Carabetta, IBCLC, e Antonella Sagone, IBCLC e psicologa
Incontro per futuri e neogenitori di bambini da 0 a 12 mesi
Quando nasce un bambino è finito il sonno dei genitori? Si può educare un bimbo a dormire? Dalla mitologia alle idee pratiche e concrete, soluzioni e strategie, passando per quello che davvero dice la scienza sul sonno dei pupi.

– Mercoledì 18 aprile alle ore 16.00 e 16.45
Lezione gratuita di MUSICAINFASCE (R)

con Daniele Montanari, insegnante associato AIGAM
per bambini da 0 a 36 mesi
Attenzione!! **pochi posti rimasti!! Scriveteci per conferma dell’orario disponibile!!**

– Lunedì 7 maggio – ore 17.00
– Martedì 8 maggio – ore 17.00

Bebè a costo zero. Quanto costa un figlio durante la crisi economica?

con Giorgia Cozza, giornalista e scrittrice, autrice di Bebè a costo zero. Guida al consumo critico per neo mamme e futuri genitori
Quanto costa avere un bimbo? Bebè a costo zero: realtà o utopia?
Crescere bimbi ( e genitori) felici senza spendere migliaia di euro

– Giovedì 10 maggio alle ore 17.00
E se poi prende il vizio?

con Alessandra Bortolotti, psicologa e autrice dell’omonimo best-seller.
Quali sono i vizi e quali i bisogni di un bambino? Diventare genitori tra reali necessità e pregiudizi culturali. Chi o cosa ascoltare quando si cresce un figlio? Libri, esperti, senso comune, istinto, cuore e ragione…

.

Il nuovissimo libro sullo svezzamento



Iscriviti alla Newsletter

SEI UN OPERATORE? VUOI RESTARE AGGIORNATO SUI NOSTRI CORSI?

Un regalo per te!

siamo presenti anche:

Condividi questa pagina:

|