HAI RICERCATO IL TAG ‘nascita’

Non sai dove andare? Piove o piuttosto c’è un sole che non lascia scampo? Non trovi spazi di confronto e condivisione? Vorresti parlare con altre donne che stanno vivendo la tua stessa esperienza?

Spesso le mamme lamentano di non trovare spazi a misura di mamma e bambino, o sostegno, informazioni, solidarietà, dove poter parlare di ciò che si sta vivendo o di cosa si prova in tutta libertà e senza sentirsi giudicate o sommerse di consigli non richiesti.

Il Bebè Cafe è uno spazio-incontro settimanale per mamme e future mamme.

Le neo mamme in molti paesi del mondo si incontrano in un luogo protetto ed ospitale per trovare risposte ai loro dubbi e preoccupazioni , confrontarsi e condividere domande e soluzioni con altre donne. Ma la grande città spesso dimostra proprio di non essere fatta per mamme e pupi… altre volte da neofite della carrozzina e ovetto siamo in difficoltà a muoverci coi pupi e ci serve un po’ di pratica.

Il Bebè Cafè vuole rimediare a questa carenza della metropoli romana.

Con una piccola quota mensile puoi usufruire e frequentare uno spazio bisettimanale di relax a misura di mamme e bambini dove le neomamme possono incontrarsi, chiacchierare, rilassarsi, bere una tisana e confrontarsi sulla maternità, la vita con un bambino (o 2, 3 ..).

In questo spazio a misura di mamme e bambini puoi trovare un posto protetto ed ospitale dove confrontarti con altre donne che stanno vivendo la tua stessa fase della vita e dove rigurgiti, pannolini sporchi e amletici dubbi da neomamma sono la norma!
Spesso basta confrontarsi tra mamme per riconsiderare e ridimensionare paure e ansie, e scoprire che quello che ti sta succedendo è normale. Altre volte tra mamme si scoprono trucchi e strategie per risolvere piccole e grandi difficoltà dell’essere mamma e papà. Poter parlare di come ci si sente tra “pari”, cioè chi sta vivendo o ha già vissuto questa fase della vita è senza prezzo: qui potrai sfogarti e confrontarti senza timore di essere giudicata.
La forza del gruppo di donne è enorme!
Qui puoi anche trovare una tisana o una piccola merenda per te e il tuo bambino, e una biblioteca di testi in prestito su maternità, cura del bambino, genitorialità consapevole, e spunti di riflessione per sviluppare in modo critico il tuo stile di fare il genitore.

 

 

Quando: Il Bebè Cafè si tiene tutti i venerdì mattina dalle 11.00 alle 12.30. Chiedi conferma per il mese di luglio. Agosto chiuso. Attenzione: se vieni per la prima volta o se c’è una allerta meteo, chiamaci per conferma. Se ci sono gravi imprevisti, avvisiamo la mattina sulla Pagina FB: Latte E Coccole Roma.

Costo: se vieni regolarmente ti siamo grate se potrai aiutarci con un contributo mensile per le merende di € 10,00

Per prendere i libri della Biblioteca è richiesta copia del documento e cauzione.

Vieni a trovarci la prima volta senza impegno! Iscriviti compilando i campi:


We respect your email privacy

250px-UmbilicalcordMONCONE OMBELICALE: COSA FARE?

Diciamocelo: il moncone ombelicale (dire cordone non è esatto, perché quello che resta dopo il suo taglio ne è appunto solo un pezzetto) non è propriamente una bellezza da vedere e molti genitori sono preoccupati al pensiero di cosa devono fargli.
Medicarlo? Non medicarlo? Alcol, acqua ossigenata o prodotti specifici?
Il business imperversa anche su questo aspetto e conosco genitori che spendono decine e decine di euro di prodotti totalmente inutili e che spesso usano appena una volta o due.
È abbastanza increscioso che anche in molti ospedali pubblici vi sia la pratica di consigliare un prodotto commerciale sul libretto di dimissione addirittura mettendo un timbro con il nome del prodotto consigliato 😑.

Ma cosa facevano le nostre bisnonne? O ancora cosa fanno tutti gli altri Mammiferi? 
Serve davvero spendere decine di euro per quel pezzetto nerastro che cadrà a giorni?

Vuoi sapere una cosa?
La cosa più efficace per farlo cadere prima possibile è NON FARE NIENTE.

Il moncone va incontro a un processo di *mummificazione*. Quindi quello che lo agevola è stare *asciutto*. 
L’alcool – tanto usato dalle nostre mamme – *ritarda la caduta* oltre ad avere un odore sgradevolissimo per il neonato che ha l’olfatto molto più sviluppato del nostro.
E le garze? Ecco, aiutano proprio a creare un bell’ambiente caldo-umido che difatti non aiuta proprio ad asciugarsi! Per non parlare della difficoltà a farle passare sotto la molletta che spesso è molto aderente al pancino, o ai filini di cotone che si incollano al moncone!

9788896939215Martedì 18 aprile al Bebè Cafè occasione imperdibile!

Proiezione e discussione del DVD “Il primo sguardo”, intervista a Marshall Klaus.

In questo DVD il Prof. Marshall Klaus, neonatologo di fama internazionale e consigliere OMS/UNICEF ci spiega come mai le prime ore di vita sono così preziose:

“A differenza di ciò che si crede, il bambino nasce sveglio e attento, in uno stato ideale per conoscere i genitori.”

Grazie alle esperienze intime e commoventi di quattro famiglie “appena nate” scopriremo come il bambino dovrebbe essere accolto per facilitare il legame affettivo e per agevolare alcuni importantissimi processi fisiologici tra cui la colonizzazione batterica, la termoregolazione e l’avvio dell’allattamento.
Viene spiegato inoltre come riconoscere il linguaggio corporeo del piccolo per meglio capire le sue esigenze, sin dai primi minuti di vita!

Latte & Coccole è lieta di invitarti al 2° Convegno nazionale ACCOGLIERE LA NASCITA.
Dopo 3 anni torna l’appuntamento di formazione ad alto livello per operatori, volontari, e persone interessate al campo della nascita e dell’allattamento.
In questo 2° Convegno il focus sarà sui primissimi giorni di vita del bambino, finestra piccolissima a livello temporale nella vita di ogni essere umano, ma di importanza enorme e cruciale per la sua salute a 360° e per tutta la sua vita.

Sabato 13 maggio si terrà il Convegno aperto a tutti gli operatori, volontarie, e persone interessate, mentre venerdì 12 maggio vi sarà un workshop avanzato riservato a operatori esperti nel campo del sostegno all’allattamento (LC, IBCLC)

Siamo liete inoltre di comunicarvi che il Convegno “Accogliere la nascita” del 13 maggio 2017 ha ottenuto * 8 crediti ECM * per le seguenti professioni sanitarie:
Ostetrica/o, logopedista, terapista occupazionale, infermiere pediatrico, infermiere, psicologo, assistente sanitario, educatore professionale, dietista, terapista della neuro e psicomotricità evolutiva, biologo, farmacista, medico-chirurgo discipline: neonatologia, neuropsichiatra infantile, pediatra, pediatra di libera scelta, ginecologia e ostetricia, igiene, epidemiologia e sanità pubblica, medicina generale, continuità assistenziale.

I crediti saranno assegnati fino al raggiungimento dei 100 partecipanti, in ordine di iscrizione.

PROGRAMMA

SABATO 13 MAGGIO  2017 

ACCOGLIERE LA NASCITA    –   I PRIMI GIORNI: UN BENVENUTO IMPORTANTE PER TUTTA LA VITA

8.00         Registrazione

8.30         Perché i primi giorni sono così importanti – Martina Carabetta, IBCLC

9.00         Aiutare le madri a iniziare l’allattamento – Catherine Watson-Genna, BS, IBCLC, New York

11.00       Coffee Break

11.30       Il microbioma: un tesoro da proteggere – Angela Giusti, ostetrica, IBCLC, ISS

13.00       Pranzo

14.00       Il sostegno all’allattamento basato sulle evidenze scientifiche: anatomia, fisiologia e funzionamento    –    Catherine Watson-Genna

16.00       L’empowerment madre-bambino come strumento al servizio della fisiologia – Antonella Sagone, IBCLC, psicolaga

16.30       Apgar 12. Per un’esperienza positiva del nascere – Alessandro Volta, pediatra (videoconferenza)

17.00       Pratiche assistenziali alla nascita: cosa ci dice l’evidenza scientifica -Michele Grandolfo, epidemiologo

17.30 Soluzioni operative nella pratica professionale quotidiana – lavoro in gruppi – Martina Carabetta

18.15       Conclusioni, post test e saluti

18.45       Chiusura del convegno

 

Il convegno è aperto a operatori della salute, volontari nel campo materno infantile e mamme. Bambini benvenuti!

Traduzione dall’inglese

Translation in English for English-speaking attendees (info in English here)

 RICHIESTA ECM PER TUTTE LE PROFESSIONI IN CORSO

Per iscriverti compila il form su: http://www.daltours.net/component/k2/latte-coccole-2017

*

VENERDì 12 MAGGIO 2017 h 11.00 – 18.00

 

WORKSHOP AVANZATO RISERVATO A OPERATORI NEL CAMPO DELL’ALLATTAMENTO

CON CATHERINE WATSON-GENNA!

Valutazione, trattamento e cure individualizzate basate sulle evidenze

(guarda sotto i dettagli sul programma)

Traduzione dall’inglese e dall’italiano per chi parla inglese per tutte e due le giornate

Per iscriverti compila il form su: http://www.daltours.net/component/k2/latte-coccole-2017 

dad-newbornLa nascita di un figlio o di una figlia si accompagna spesso, ma non sempre, alla nascita di un padre.

Non è solo un padre biologico e/o legale, ma una figura di riferimento importante per il processo di crescita del neonato e per il sostegno alla famiglia nelle sue molteplici forme.

dad-toddlerEsser padri è un processo in continuo divenire che attraversa diverse fasi e parallelamente al figlio o alla figlia anche il padre cresce e si trasforma: accompagna il processo di graduale autonomia e di indipendenza ed educa in coppia con la madre o con altri partner e figure di riferimento.

 

dads

Gli incontri tematici “Io e Papà” nascono dall’esigenza di vivere uno spazio di pensiero, riflessione e socializzazione tra uomini e padri sulla paternità.

L’obiettivo è quello di costruire esperienze positive di scambio, incontro e confronto con la facilitazione di uno psicologo psicoterapeuta anche lui padre.

download4608ff7be4ac2f9ad74aa98d6d6bb34eimages-2

 

Quante volte hai domande amletiche sulla tua  pancia che cresce e non sai bene a chi rivolgerti? Come può aiutarti l’ostetrica? Il tuo medico è troppo “medicalizzato”?
Cosa succede quando inizia il travaglio? Come riconoscerlo? Come evitare le storie dell’orrore che ti raccontano le tue amiche quando ti incontrano?

Hai già partorito e non sai se tutto è “tornato a posto”? Hai domande su come è andato il tuo parto?

In questo incontro gratuito con l’ostetrica, proietteremo il corto “La prestazione – Sex like birth” e parleremo di fisiologia della nascita, di aspettative e desideri.

L’incontro è condotto da Chiara Pizzi, ostetrica, e Martina Carabetta, IBCLC.

Quando: mercoledì 30 novembre dalle ore 18.00 alle 19.45 circa

Per chi: mamme e future mamme. I papà e i bimbi di qualunque età sono i benvenuti.

Perché: per essere informata su gravidanza, parto e puerperio. Essere informate permette alle donne di vivere questa importante fase della vita come protagoniste, abbassa il rischio di essere sottoposte a procedure non necessarie o dannose, diminuisce il rischio di un taglio cesareo e di una depressione post partum. Essere informate aiuta a capire cosa succede e perché, e reagire tempestivamente quando c’è un segnale di allarme, ma molto più spesso a non allarmarsi per segnali che non sono preoccupanti. Condividere inoltre un momento con altre donne nella stessa fase della vita permette di rilassarsi, ridimensionare le ansie, fare amicizia e creare una rete femminile di sostegno a cui fare riferimento nei mesi a venire.

La sala ha posti limitati: mandaci un sms, mail o messaggio su FB per prenotarti!

Le attività di Latte & Coccole sono riservate ai soci. Se non sei ancora socia, scrivici: potrai fare la tessera annuale (10€) direttamente quando vieni!

 

 

In occasione della SAM 2011 (Settimana Mondiale per l’Allattamento Materno – 1-7 ottobre), abbiamo inaugurato un ciclo di incontri-dibattiti gratuiti per futuri e neogenitori. A ottobre 2012 inizia il 2° ciclo di incontri gratuiti!

N.B.: Gli incontri sono totalmente gratuiti. I bambini sono sempre benvenuti.

Prenotate via mail o telefono perché la sala ha posti limitati. Si accetteranno le iscrizioni in ordine di arrivo.

Calendario incontri

Parto naturale – libertà di scelta

Venerdì 1 febbraio alle ore 18.00

con Marina Baldocci, ostetrica, IBCLC, co-autrice di
“Estate col pancione”
Alle donne in gravidanza dovrebbero essere date informazioni complete e scientificamente corrette rispetto alle opzioni a loro disposizione per avere un parto ottimale e meno medicalizzato, solo in questo modo potranno fare una scelta informata e, dunque, consapevole.

Incontro dedicato alle mamme in attesa, per informare e riflettere sulle scelte a disposizione attualmente, e per dare strumenti per poter scegliere il parto migliore per ognuna.

.

.

È in arrivo il secondogenito?
La seconda gravidanza può essere molto differente dalla prima attesa.

Mentre nella prima gravidanza c’è più tempo per pensare alla gravidanza, attenzioni, il corso preparto, il tempo per sè stesse (relativamente :P) e così via, nella maggior parte delle volte quando si aspetta il secondo figlio non c’è niente di tutto questo.
Se anche si frequenta di nuovo un corso di accompagnamento alla nascita (io l’ho fatto!), le problematiche e le domande di una mamma alla seconda gravidanza sono molto diverse da quelle di una mamma alla sua prima esperienza.
I futuri genitori “bis” si fanno mille domande su come potranno gestire la vita a 4, o 5. o… con due o più bimbi piccoli.
Inoltre spesso l’esperienza col 1° parto e col primogenito, può aver lasciato dubbi, rimpianti o domande.
Se la prima gravidanza o parto non sono andate come ci si aspettava, spesso la seconda gravidanza viene vissuta con ansia, e la mamma si chiede se anche stavolta andrà nello stesso modo.
Se l’allattamento non è partito bene, o si sono incontrati ostacoli, a volte le mamme pensano che debba andare nello stesso modo anche stavolta, mentre proprio dall’esperienza passata col sostegno e le informazioni giuste si possono trarre gli insegnamenti per far andare le cose lisce.

Si tratterà di un corso “concentrato” per chi è alla seconda o successiva gravidanza, dove parleremo di temi come:
– come gestire due o più bimbi piccoli?
– gli vorrò bene come al primo figlio?
– come gestire la gelosia tra fratelli?
– come posso avere un parto migliore o diverso dal primo?
– come posso evitare di avere di nuovo problemi con l’allattamento, o gestire alcune difficoltà o sfide che ho incontrato la prima volta?
– e tutto quello che sarà di interesse dei genitori

Il corso si tiene in 3 incontri di 2 ore ciascuno, aperti alle mamme e papà.
I fratellini e sorelline sono i benvenuti e lo spazio è adeguato per farli giocare, poppare, mangiare o riposare. Potete far cenare i bambini (e i grandi 🙂 ) durante l’incontro se sono abituati a cenare presto.
Se volete, potete portare anche un nonno/a o zia di supporto :).

Il corso parte con un minimo di 3 iscrizioni.

Quando: Prossimo gruppo primo incontro merc 5 giugno! Da settembre data da definire, scrivici vi interessa!
L’orario è serale (per esempio 19 – 21) o di sabato a seconda della disponibilità della sala.  Cena insieme se si fa tardi!

Costo del corso: 60,00 euro

Per info e iscrizioni chiamateci o inviateci una mail

Cosa e’ utile sapere prima

E’ vero che devo prepararmi alla gravidanza?

Se la gravidanza è pianificata, l’ideale sarebbe affrontarla già nelle migliori condizioni psicofisiche possibili.

Se quindi stai pensando di avere un bambino, vai a parlarne con la tua ostetrica o il tuo medico di fiducia e fatti prescrivere prima dell’inizio della gravidanza degli accertamenti clinici al fine di escludere patologie in atto, esami del sangue e delle urine, pap test, controllo della pressione arteriosa.

Abituarti ad una alimentazione sana ed equilibrata, ti mette nelle migliori condizioni per i prossimi 9 mesi, e assicura all’embrione e poi feto i migliori “mattoncini” con cui si costruirà il suo organismo.

LA GRAVIDANZA

PRIMO TRIMESTRE

Il primo trimestre di gravidanza è un momento magico e importantissimo.

Come ti sei sentita quando hai visto quella strisciolina sul test? Molte future mamme si confrontano con la sorpresa, l’emozione, la curiosità. Ma anche con tanti dubbi e domande, o qualche preoccupazione: è umano che sia così.

Ci vogliono 9 mesi per fare un bambino ma anche per fare una mamma. Deve costruirsi non solo un bambino vero, fatto di cellule e organi, ma anche l’immagine che la futura mamma ha del bambino. C’è una fase di accettazione a tutti i livelli, di ambientamento fisico, biologico e psicologico. Tutto questo è completamente nuovo e sconosciuto, e le domande e timori sono normali, soprattutto in un mondo dove le gravidanze e i bambini sono purtroppo pochi.

Così, spesso nel 1° trimestre la gravidanza dà dei fastidi tipici come le nausee.

Cosa devo fare all’inizio della gravidanza?

Anche se la gravidanza non è stata pianificata, e hai scoperto dopo qualche settimana di aspettare un bimbo, è bene cominciare a prendere consapevolezza al più presto ed ottimizzare la tua alimentazione e stile di vita, controllare il tuo stato generale di salute con esami del sangue e delle urine.

Che la tua sia una gravidanza pianificata o meno, devi fare una prima ecografia soprattutto se non sei certa della data del concepimento. La prima ecografia ha proprio lo scopo di verificare la data di concepimento, e che l’embrione si sia impiantato nell’utero.

Evita l’esposizione ad agenti fisici e chimici tossici, utilizza il meno possibile il telefono cellulare ed evita di portarlo addosso.

Quando si può fare il test di gravidanza sulle urine?

Se si vuole sapere precocemente se si è instaurata una gravidanza iniziale, è meglio non effettuare il test prima che siano trascorsi 3 giorni dalla mancanza, cioè 3 giorni dopo la data in cui sarebbero dovute venire le mestruazioni. Il test rileva la presenza della βHCG (gonadotropina corionica), un ormone prodotto dalla placenta e dall’embrione. E’ sempre meglio utilizzare la prima urina del mattino che è più concentrata. Non ci sono grandi differenze tra i test che si comprano in farmacia o al supermercato ma varia molto il loro costo.

Perché la mia ostetrica mi ha chiesto di fare un test di gravidanza sul sangue e poi me lo ha fatto ripetere dopo una settimana?

Il test quantitativo sul sangue, βHGC, misura il quantitativo della gonadotropina corionica prodotta dal feto e dalla placenta che all’inizio della gravidanza. In condizioni normali, la βHGC cresce molto rapidamente, e una doppia misurazione serve a comprendere se la gravidanza sta andando avanti o meno. I numeri di riferimento scritti al lato della risposta hanno una grande variabilità e non si può fare affidamento su di essi per datare la gravidanza, quindi non ti angosciare cercando di interpretarli da sola ma affidati alla tua ostetrica o ginecologo di fiducia. E’ importante eseguire le βHCG sempre nello stesso laboratorio perché ci può essere una differenza tra un laboratorio e l’altro e ciò renderebbe la risposta inattendibile.

Ho appena saputo di essere incinta, devo dare via il mio gatto?

Il pericolo del gatto sta nel fatto che potreste infettarvi con la toxoplasmosi che può provocare malformazioni nel feto. In ogni caso il 40 % della popolazione adulta ha già contratto la toxoplasmosi (che è asintomatica) ed è immune a nuove infezioni. Una delle analisi sul sangue da farsi all’inizio della gravidanza accerta proprio il tuo stato immunitario. Se l’analisi riscontra che hai già gli anticorpi, significa che durante la vita l’hai già avuta, e non potrai contrarla di nuovo, così ogni accortezza precauzionale è inutile e non necessaria per te: puoi mangiare ciò che vuoi, e coccolare il gatto senza alcun timore!

Il gatto, comunque, è portatore di toxoplasmosi solo se esce di casa e mangia topi – i diretti portatori della toxoplasmosi. Se il tuo gatto esce e potenzialmente può incontrare topi, basta lavarsi le mani con cura dopo averlo toccato, affidare a qualcun altro la pulizia della sua lettiera ed evitare di dargli carne o pesce crudi che potrebbero essere contaminati con escrementi di topo. Dal momento che il topo è il vero responsabile, è importante che voi stesse evitiate i cibi potenzialmente contaminati (carne, pesce e latte crudo), e che laviate bene l’insalata.

Cosa succede dentro la pancia?

Nella prima settimana:

  • Mamma. A una settimana dal concepimento, il tuo corpo invia dei messaggi chimici che bloccano il ciclo mestruale.
  • Bimbo. In queste 3 settimane ha un bel da fare! Da semplice ovulo fecondato che ha preso la strada lungo una tuba di Falloppio alla velocità di 1mm e mezzo l’ora, verso l’utero. Nel frattempo moltiplica le sue cellule raddoppiandole circa ogni 12 ore, e inizia quindi ad impiantarsi nell’endometrio.  Ora viene chiamato blastocisti e conta circa un centinaio di cellule.

Nella 2° settimana:

  • Mamma. Alcuni test di gravidanza possono dirti già che sei incinta!
  • Bimbo. L’embrione sta ultimando la sua sistemazione (annidamento) sulla parete dell’utero. Iniziano a comparire cellule diverse, che si mettono insieme in due strati, chiamati foglietti embrionali . Si formano anche degli spazi vuoti, che diventeranno l’intestino del bambino, e la cavità amniotica.

Nella 3a settimana:

  • Mamma. È presto per avere un qualsiasi sintomo ma tutto il tuo assetto ormonale sta cambiando.
  • Bimbo. l’embrione, grande quasi come la capocchia di spillo, si ripiega su se stesso a formare un tubicino e compare un terzo foglietto che diventerà il sistema vascolare, il sangue, i muscoli, e molte altre cose ancora.

Nella 4a settimana

  • Mamma. Ormai tutti i test possono confermarti che sei incinta!
  • Bimbo. Alla fine di questa settimana l’embrione è lungo circa 5 mm, e ha aumentato la sua massa di 7000 volte rispetto a quella che aveva allo stadio di zigote. Ora è definito anche se è un solo piccolo, o se sono dei gemelli. Inizia la formazione degli organi.

Nella 5a settimana

  • Mamma. Non arriva il ciclo! Se fino ad ora non ci avevi pensato, ora il dubbio si fa più concreto.  Alcune mamme iniziano ad accorgersi di alcuni cambiamenti molto lievi, come una maggiore sensibilità agli odori.
  • Bimbo. le cellule di ogni singolo foglietto embrionale stanno differenziandosi in modo più marcato, a seconda della strada di sviluppo che devono prendere. Queste settimane sono importantissime per lo sviluppo sano e corretto del bambino!

Nella 6a settimana

  • Mamma. Cominci a  sentire la nausea, in particolare la mattina? Questo è un tipico sintomo piuttosto frequente, dovuto agli ormoni della gravidanza.
  • Bimbo. Misura circa 7-9 mm, scalcia e nuota nel liquido amniotico, e il cuore che già batteva da diversi giorni, inizia a far circolare il sangue all’interno di tutto l’embrione.

Nella 7a settimana

  • Mamma. Forse senti già il seno diverso dal solito: più turgido e sensibile. Potresti anche sentirti più stanca e assonnata del solito, e vorresti dormire a tutte le ore!
  • Bimbo. Si sono formati la testa ed i piedi. È provvisto di occhi, reni e polmoni rudimentali.

Nella 8a settimana

  • Mamma. È il momento di una prima visita e dell’ecografia per vedere che nell’utero sia tutto a posto. L’utero è diventato più o meno grande come un’arancia, ma non si vede certo ancora la pancia!
  • Bimbo. Misura circa 15 mm, e ha assunto una sua fisionomia! Prendono forma addirittura già le gemme dei futuri denti. Crescono le gambe e le braccia e quasi si vedono anche le ginocchia

Nella 9a settimana

  • Mamma. Potresti avere l’impressione che la vita sta iniziando a ingrossarsi. Attenta a quando ti alzi, potresti avere giramenti di testa!
  • Bimbo. Ora pesa circa  1,5 grammi! Sono apparse le dita dei piedi e il bambino ha riflessi muscolari alle eccitazioni esterne!

Nella 10a settimana

  • Mamma. Hai ancora nausee? Sei quasi alla fine, coraggio! Mangia poco e spesso, per avere meno fastidio.
  • Bimbo. Inizia a intravedersi il sesso del piccolo e i genitali esterni hanno iniziato a formarsi. Ora il suo aspetto diventa ancora più umano, e perde la coda.

Nella 11a settimana

  • Mamma. Attenta al sole, potrebbero venirti delle antipatiche macchie (cloasma gravidico). Sarai ingrassata da 900 grammi a 1,3 Kg di peso (circa il 10% del peso totale di fine gestazione).
  • Bimbo. È lungo circa 7 centimetri ed entrerebbe nel palmo di una mano. Si sono formati quasi tutti gli organi principali ed il periodo critico del suo sviluppo è terminato.

Nella 12a settimana

  • Mamma. L’utero è cresciuto e si sposta sopra alle pelvi perché non ci sta più!  Aumenta il tuo sangue, così vedi più vene in superficie e potresti sentire più caldo. Hai preso un paio di kg?
  • Bimbo. Pesa 14 grammi ed è lungo 8 centimetri. Puoi vederlo muovere braccia e gambe tramite l’ecografia.

.

.

Il nuovissimo libro sullo svezzamento



Iscriviti alla Newsletter

SEI UN OPERATORE? VUOI RESTARE AGGIORNATO SUI NOSTRI CORSI?

Un regalo per te!

Calendario attività ed eventi


« Giugno 2019 »
Mo Tu We Th Fr Sa Su
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

siamo presenti anche:

Condividi questa pagina:

|